info@firenzeart.it
055.224028

Lazzaro Donati

Lazzaro Donati (8 gennaio 1926 - 1977) nasce a Firenze e frequenta l'Accademia di Belle Arti. Inizia a dipingere nel 1953, e nel 1955 tiene la sua prima mostra alla Galleria Indiano di Firenze. Nel giro di tre anni seguirono undici mostre in Italia e, man mano che la sua reputazione cresceva, fu invitato a tenere importanti mostre a Londra, Parigi, New York, Chicago, Rio de Janeiro e Montevideo. È considerato uno dei più importanti pittori italiani contemporanei i suoi dipinti sono esposti in musei e collezioni private in America, Europa e Asia.
Donati ha vissuto e lavorato in Piazza Donatello 24 a Firenze, la piazza dove generazioni di artisti hanno creato opere degne della grande tradizione fiorentina. Quando si entrava nello stretto corridoio del suo studio, un angelo veneziano dorato a grandezza naturale ti fa cenno alla sua porta. Una volta dentro, il presente è svanito e ti ritrovi in un atelier dove i primi maestri potrebbero aver lavorato durante il Rinascimento. All'interno, lussuosi tappeti persiani mettono in risalto gli innumerevoli oggetti d'arte e mobili antichi. La luce filtrava attraverso la parete di vetro inclinata sul lato nord. Una scala drammatica conduceva a un balcone a strapiombo che fungeva da galleria privata dove l'artista appendeva alcune delle sue prime opere preferite. A sinistra dell'ingresso c'era uno studio più piccolo dove Donati ha scolpito, con una finestra che si affacciava sul famoso vecchio cimitero inglese dove i turisti hanno deposto fiori sulla tomba di Elizabeth Barrett Browning.

Nello stesso studio principale, dove Donati riceveva i suoi clienti in un'atmosfera raffinata come l'ufficio di un alto dirigente, non ci si rendeva quasi conto che era qui che l'artista effettivamente dipingeva. Il suo cavalletto era ricoperto di velluto blu persiano, il dipinto sul cavalletto era già incorniciato, la sua sedia era rivestita di velluto rosso e sulla sua tavolozza i colori erano disposti con la precisione di un mosaico bizantino. In uno stand d'angolo c'erano i suoi ultimi lavori, incorniciati e pronti per essere spediti alla sua prossima mostra in Europa o in America.
Donati era molto accogliente con i suoi ospiti, un uomo elegante che possedeva un fascino enorme, una buona natura e un acuto senso dell'umorismo. Apparentemente timido, preferiva parlare di argomenti estranei alla sua arte, distraendoti di proposito dai suoi dipinti, per poi ricondurti a loro, con tatto e senza pretese. Parlava correntemente francese e inglese, nonché un po 'di spagnolo e tedesco. "Dopo tutto", ha detto, "devi sapere come vendere un dipinto a tutti".

INGLESE:

Lazzaro Donati (January 8, 1926 - 1977) was born in Florence and attended the Academy of Fine Arts. He began to paint in 1953, and in 1955 held his first exhibition at the Indiano Gallery in Florence. Within three years eleven exhibitions followed in Italy, and as his reputation grew he was invited to give major exhibitions in London, Paris, New York, Chicago, Rio de Janeiro and Montevideo. He is considered one of the foremost contemporary Italian painters and his paintings hang in museums and private collections throughout the Americas, Europe and Asia.
Donati lived and worked at 24 Piazza Donatello in Florence, the square where generations of artists have created works worthy of the great Florentine tradition. As you entered the narrow hallway to his studio, a gilded life-size Venetian angel beckoned you to his door. Once inside, the present faded away and you found yourself in an atelier where early masters might have worked during the Renaissance. Within, luxurious Persian rugs set off the innumerable objects d’art and antique furnishings. Light poured in through the sloping glass wall on the north side. A dramatic stairway led to an overhanging balcony which served as a private gallery where the artist hung some of his favorite early works. To the left of the entrance was a smaller studio where Donati sculpted, with a window overlooking the famous old English cemetery where tourists laid flowers on the grave of Elizabeth Barrett Browning.

In the main studio itself, where Donati received his clients in an atmosphere as polished as an office of a top executive, one hardly realized that it was here that the artist actually painted. His easel was covered with Persian blue velvet, the painting on the easel was already framed, his chair was upholstered in red velvet and on his palette the colors were arranged with the precision of a Byzantine mosaic. In a corner stand were his latest works, framed and ready to be sent off to his next exhibition in Europe or America.
Donati was a born host with a warm welcome, an elegant man who possessed enormous charm a good nature and a keen sense of humor. Apparently shy, he preferred to speak on subjects extraneous to his art, purposely distracting you from his paintings, then leading you back to them, tactfully and without pretension. He spoke fluent French and English as well as some Spanish and German. “After all”, he said, “you've got to know how to sell a painting to everyone.”

Non aveva simpatia per i “a goccia e spruzzi” studi dei suoi contemporanei, preferendo mantenere il suo studio ordinato e senza macchia. “La pittura è una questione di precisione”, ha detto, “Se un pittore non può mettere la sua pittura dove vuole andare, non vedo come possa definirsi un pittore. Per me è assolutamente necessario controllare la vernice.” Quando è stato chiesto di rivelare la tecnica ha usato per ottenere la finitura simile allo smalto tipico dei suoi dipinti egli rispose: “Questo è un segreto tra me e il mio maggiordomo. In realtà, la maggior parte dei miei quadri sono fatto da lui!”Ma in realtà dietro la facciata, Donati era un artigiano serio che ha dedicato alla sua pittura come un modo di vita e dei mezzi di espressione. Fin dall'inizio della sua carriera, i suoi dipinti hanno rivelato una lotta per la perfezione e la ricerca continua a problemi di stile e tecnica. I suoi primi lavori hanno indicato un interesse momentaneo nel surrealismo e l'arte astratta; erano prevalentemente bidimensionale, seconda linea e colore forte. Ma dal 1958, con la sua pittura La Signora con un ventilatore, un lavoro che aveva appeso in un posto d'onore sul suo balcone, è venuto un cambiamento dedicato di stile. C'era un nuovo interesse per il volume, e un gusto particolare per le forme curve. A questo punto, Donati era già sulla buona strada per evolvere la sua forma molto personale di espressione, che doveva poco per uno qualsiasi dei principali scuole di pittura contemporanea. La sua procedura nella costruzione del dipinto era insolito. Solo per le sue prime opere hanno Donati utilizzano tela. Ha dipinto pannelli di legno quasi esclusivamente appositamente trattati su. Con il pannello a piatto sul tavolo, ha prima deposto nel background con i ricchi, smalti traslucidi che hanno dato la finitura caratteristica per il suo lavoro. Questa “background” può forse essere meglio descritta come l'atmosfera in cui esistevano i suoi sudditi, o di cui hanno finalmente emerse. Ha poi delineato nelle forme della composizione utilizzando un pennarello speciale. Un minimo di linea servita per evocare un senso del volume, figure e sfondo compenetrate. Poi tornò alle sue pitture, integrando varie tecniche per raggiungere i suoi brillanti effetti cromatici e materici. I volumi sono definiti e piani della composizione stabiliti. Infine, ha completato il suo lavoro con quello che lui chiama “Lumi”, e arcaica parola italiana che significa “luci”, tocchi di piume di colore puro che è servito ad accentuare il senso del volume. Donati ha riassunto le sue intenzioni artistiche in questa maniera: “Sto cercando di utilizzare l'esperienza di arte astratta, sovrapponendo un disegno a tutto tondo, e poi aggiungendo ad esso punti di luce per dare volume aggiunto. Quello che cerco di fare è quella di utilizzare il sistema del Rinascimento con tocchi moderni “Questo è il punto interessante:. Che Donati ha imposto i suoi sudditi in e fuori dell'astrattismo. Forse la cosa più notevole capacità di Donati è la sua padronanza del colore. Nel suo studio aveva quattro palette. Due erano in uso sul suo tavolo di lavoro, uno per i colori della terra e uno per i toni alti. Appeso dietro il cavalletto erano più due, ciascuno con un caleidoscopio di colori. Quando è stato chiesto il motivo, Donati ha risposto: “Continuo a quelle tavolozze di sopra del cavalletto come un record di colori, altrimenti mi dimentico di loro. Il colore è troppo importante per dipendere da tentativi ed errori. Vedo un colore su una di quelle tavolozze, mettere in sulla foto con l'occhio della mia mente, e questo mi impedisce di commettere errori.”E 'quindi con cura meticolosa che Donati ha raggiunto la purezza e la vivacità del colore, la spontaneità apparente che contraddistinguono i suoi quadri. La pittura di Donati non può essere classificato come appartenente ad una particolare scuola di pittura. Parlando della sua ispirazione artistica, ha detto, “Io non sono consapevole di essere imitato o sono stati influenzati da qualsiasi un particolare pittore, ma ogni dipinto contiene le esperienze di molti pittori precedenti. Nessun artista può dipingere senza essere influenzato da maestri come Raffaello , Michelangelo , Tiziano , e fuori d'Italia da artisti come Rembrandt e Renoir .”In effetti, in alcuni dei suoi più grandi dipinti con le loro figure di Madonna come e ampie sfondi di paesaggio, si può vedere l'influenza della pittura rinascimentale italiana , sia in particolari motivi e nella monumentalità della concezione. Ma in ogni caso l'ispirazione originaria servito solo come punto di partenza per una società interamente nuova e creativa opera d'arte. I soggetti Donati preferito a dipingere riflettono questo stile personale. Nel corso degli anni aveva lavorato sugli stessi temi, trasformandole con la propria visione poetica. I suoi soggetti più ricorrenti, il nudo, la natura morta e il paesaggio urbano in parte riflettono la sua preferenza stilistica per le forme arrotondate. “Dipingo la forma femminile”, ha detto, “non solo perché è bello, ma perché è in fondo rotondo.” Un altro tema preferito è il paesaggio urbano, e di nuovo il suo gusto per le forme curve è apparso nella sua scelta di due chiese a cupola, il Salute a Venezia e Santo Spirito a Firenze , sia che dipinse in innumerevoli versioni in colori brillanti e vibranti. La natura morta è stato il suo terzo grande tema. Di volta in volta ha disegnato la sua ispirazione da una ciotola di frutta, ricrearla nuovamente come suo stile costantemente sviluppato e cambiato. Con Donati, questi alcuni temi, che si sono ripresentati nelle opere dei grandi maestri della storia della pittura, è diventato in ogni caso una nuova fonte di piacere, un modo nuovo di vedere, e una panoramica della visione creativa dell'artista. Lazzaro Donati - https://it.qaz.wiki/wiki/Lazzaro_Donati

Opere di Lazzaro Donati (12)

Quadro di Lazzaro Donati Lilith - mista tavola

Lazzaro Donati

Lilith

mista / tavola
50 x 70

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Helena - mista tavola

Lazzaro Donati

Helena

mista / tavola
50 x 70

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Cestello - olio tavola

Lazzaro Donati

Cestello

1960
olio / tavola
70 x 50

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Il Cestello - olio tavola

Lazzaro Donati

Il Cestello

1955
olio / tavola
70 x 50

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Senza titolo - mista carta

Lazzaro Donati

Senza titolo

1975
mista / carta
50 x 70

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Natura Morta - xilografia carta

Lazzaro Donati

Natura Morta

xilografia / carta
69 x 49

dettaglio opera
Quadro di Lazzaro Donati Cattedrale - litografia carta

Lazzaro Donati

Cattedrale

litografia / carta
50 x 70
250

dettaglio opera

tratta solo opere
Autentiche e Certificate

MOSTRE ONLINE IN CORSO


Personale  -  Bruno Paoli
Personale
di Bruno Paoli
Spazi armonici -  Alessandro Ongaro
Spazi armonici
di Alessandro Ongaro


NEWS FIRENZEART



Guido Borgianni domani sera su ToscanaTV

Verrà trasmessa domani sera su la ToscanaTV, presso la trasmissione “Incontri con l’arte” di Fabrizio Borghini  il 94° compleanno di Guido Borgianni festeggiato presso la nostra galleria, un pezzo [...] [ continua >>]


Vivere Marma e Santo Spirito

Oggi alle 18.30 il primo appuntamento di Vivere Santo Spirito, con l’approfondimento sul pittore Rodolfo Marma. L’incontro avrà inizio nella Basilica di Santo Spirito. Dopo il saluto della Comunità Agostini [...] [ continua >>]



Galleria
Da oltre 20 anni vendiamo online opere d'arte autentiche di artisti affermati e talenti emergenti. Massima affidabilità.

Vai alla collezione


Mostre Online
Ogni mese nuove Mostre personali o collettive da non perdere. Visibili direttamente online nella nostra Galleria Virtuale.

Visita le Mostre Online in corso


Servizi per artisti
Affidati alla nostra esperienza per farti conoscere, promuoverti e aumentare la tua visibilità. Esponi le tue opere in una Mostra Online.

Contattaci


Archiviazione opere
Gestiamo in esclusiva l'archivio ufficiale delle opere di Rodolfo Marma e permettiamo l'autenticazione di opere di Graziano Marsili e Umberto Bianchini
Richiedi informazioni
Realizzazione grafica web WWS Snc