info@firenzeart.it
055.224028

Pietro Cocchi

Pietro Cocchi è nato a Firenze il 16 novembre 1924. Ha risieduto ed ha avuto lo studio a Candeli, Bagno a Ripoli (Fi).
Vivendo il periodo bellico da rifugiato nei dintorni di Fiesole (Fi) insieme a Carlo Levi e Vittorio Gui, conobbe un'insegnante di disegno ebrea che lo avvicinò alla pittura e soprattutto alla tecnica del pastello, trasmettendogli l'amore per la natura ed il gusto per il colore.
Diciottenne iniziò a dipingere.
Fin da ragazzo trascorreva le vacanze estive a forte dei Marmi (Lu) e in quell'ambiente ricco e stimolante conobbe pittori e scrittori, tra cui Mino Maccari e Carlo Carrà, dei quali frequentò gli studi. A Carrà si è sempre sentito particolarmente legato per affinità di gusto e di linguaggio. Successivamente fu negli studi di Ottone Rosai e di Nino Tirinnanzi a Firenze ed in quello di Primo Conti a Fiesole.
Subito dopo la guerra frequentò a Firenze l'Istituto di Preistoria sotto la guida dei Professori Paolo Graziosi e Luigi Cardini, con i quali ha condotto ricerche e scavi paleontologici in Liguria, Toscana, Lazio(a San Felice Circeo) ed in grotte al confine italo-francese. Molto importanti le scoperte fatte nel Valdarno (sul Monte Longo, vicino al Monte San Savino, Arezzo), dove sono state rinvenute zone abitate nella Preistoria e settemila strumenti di selce del Paleolitico Superiore.
Nel 1955 si è laureato in Medicina all'Università di Firenze, dove poi è stato docente per quarant'anni presso il Dipartimento di Pediatria.
Dal 1974 al 1997 è stato Primario della Divisione di Malattie Infettive Pediatriche dell'Ospedale Meyer di Firenze.
Dopo essere andato in pensione si è dedicato completamente all'attività pittorica ed espositiva.
Si è spento nel 2009.
Gabriella Gentilini

Come un grande amore possa durare per tutta la vita. E se lo si era perduto di vista per tanti anni ritorna sempre, più forte che mai. Ce lo insegna Pietro Cocchi, che da giovanissimo ha coltivato una naturale vocazione per l'arte, dipingendo la sua terra di Toscana, soprattutto la Garfagnana, dove ha vissuto e l'amata Versilia, luogo storico di villeggiatura e di incontri ai tempi dei fervori culturali ed artistici intorno a personalità come Soffici, Maccari, Carrà, Malaparte.
Un talento, quello di Cocchi, sbocciato all'ombra di queste figure su uno scenario di imminenti e tragici eventi bellici, lasciato poi a lungo chiuso in un cassetto, sostituito dall'impegno professionale e da una carriera prestigiosissima nel campo medico e universitario.
Ma appena ha appeso al chiodo lo stetoscopio, Cocchi ha subito ripreso in mano il pennello e ha iniziato a ripercorrere a ritroso i sentieri della memoria, fino a riallacciarsi alle ricerche giovanili, tornando nei luoghi peraltro mai abbandonati, che avevano visto i suoi esordi pittorici. Luoghi che, specie la Versilia, hanno perduto gran parte del loro fascino selvaggio, incontaminato e solitario, ma che Cocchi recupera attraverso il ricordo, che torna puntuale a restituire lontane emozioni, quasi fossero trasportate da una libecciata che piega gli alti pini, lasciando intravedere il profilo di due esili barchette che fluttuano a pochi metri dalla riva. E un roseo tramonto pare tuffarsi in un tratto di mare dai limpidi riflessi verdastri, sul cui arenile spunta in primo piano la struttura di un vecchio capanno.
Ed è sempre il rumore del mare a rompere il silenzio di una spiaggia deserta, dove un cavallo, unico essere animato, simbolo del galoppare del tempo, è fermo, come a guardarsi indietro, di fronte allo scorrere della vita. Una luce tinta di rosso avvolge la composizione, quasi a proteggerla entroo un'aurea di tenerezza e di sogno. Il colore, ravvivato dal flusso dei ricordi, si fa a tratti intenso, a tratti delicato e sfumato, oppure si scompone in geometriche campiture nei paesaggi, dove il fucsia di una casa divide la campagna dal mare, o ancora, i bianchi casolari fanno da contrappunto al verde brunito di una fitta boscaglia.
Il mare ed il paesaggio i "luoghi della memoria", silenti nei loro spazi immensi e privi di presenze umane, dove i colori si accendono di bagliori fantastici. Le forme semplificate e i volumi squadrati risentono della "trascendenza plastica" di Carrà, cioè della costruzione e idealizzazione geometrica della realtà, ma anche del rigore e di certe spigolosità che rimandano a Sironi, mai aspre, ma ammorbidite da un tessuto cromatico vivo e sensibile. La potenza evocativa dell'immagine si definisce infatti attraverso la massima semplificazione e il vero viene trasfigurato, elaborato mediante un processo interiore che lo scompone, creando una nuova disposizione spaziale sotto l'effetto del colore, intriso di luce, ricco di risonanze emotive e sapientemente accordato nelle tonalità dissonanti. Ne derivano atmosfere di vibrante suggestione, immerse in un silenzio che supera il tempo e lo spazio. Un tempo ed uno spazio indefinibili, in cui le percezioni costituiscono l'unica dimensione possibile.
La ricerca di Cocchi, accurata e personalissima, basata sulla sintesi formale e cromatica, si riscontra anche nelle nature morte, dove l'eco morandiana è apprezzabile nella scansione degli spazi e in quel senso di attesa e di sospensione che è indagine profonda sull'essenza più intima delle cose.
Nelle opere più recenti Pietro Cocchi spinge al massimo questa ricerca, illuminando di toni pastello la sua tavolozza e orientandosi verso una certa astrazione, soprattutto nelle nature morte, che si offrono ad una visione bidimensionale, quasi fossero forme fossili che si disvelano nel loro aspetto primitivo, come pagine aperte sul mistero cosmico dell'esistere.
Nei paesaggi e nelle marine il filo della memoria si dipana in un colloquio sempre più fitto con la natura, della quale l'artista sa cogliere il senso mistico ed il respiro più segreto, per tradurli in un abbraccio magico fatto di affetti e di nostalgia, di commozione e di sentimenti autentici. Come versi di una poesia.

Gabriella Gentilini
Firenze, ottobre 2000, dal catalogo della mostra "I colori della memoria", a cura di Gabriella Gentilini, Firenzeart Gallery, Montespertoli

- "Plausibili Trilogie", Gruppo Donatello, Firenze, aprile 1995
- "Medici Pittori", Firenze, dicembre 1995
- "Tre Artisti", Galleria Pugliese Arte, Firenze, novembre 1996
- "Gli eventi del Pascò", Firenze, maggio 1997
- Personale "Artista delle emozioni", Galleria Pugliese Arte, Firenze, giugno 1997
- "Pentastico", Gruppo Donatello, Firenze, ottobre 1997
- A.M.M.I., Firenze, novembre 1998
- "30x30", Gruppo Donatello, Firenze, dicembre 1998
- "Un Fiume", Assiciazione Caruso, Firenze, aprile 1999
- Antica Associazione del Paiolo, Firenze, aprile 1999
- "Colori di Toscana", Galleria FirenzeArt, Montespertoli (Fi), novembre 2000.


Ha partecipato inoltre a numerose mostre personali e collettive del Gruppo Donatello a Firenze, di cui è socio.
Il 21 maggio 1997 gli è stato assegnato in Palazzo vecchio il Premio "Filo D'Argento" per l'arte (pittura) del Comune di Firenze-AUSER.

Opere di Pietro Cocchi (3)

Quadro di Pietro Cocchi Bocca d'Arno - tempera carta

Pietro Cocchi

Bocca d'Arno

tempera / carta
18 x 26
350

dettaglio opera
Quadro di Pietro Cocchi Giardino - mista cartone

Pietro Cocchi

Giardino

mista / cartone
17 x 12
350

dettaglio opera
Quadro di Pietro Cocchi Albero - olio cartone

Pietro Cocchi

Albero

olio / cartone
24 x 24
200

dettaglio opera

tratta solo opere
Autentiche e Certificate

MOSTRE ONLINE IN CORSO


Mostra Personale  -  Dario Ferrini
Mostra Personale
di Dario Ferrini


NEWS FIRENZEART



Lido Bettarini
…è con grande dispiacere che oggi salutiamo l’artista Lido Bettarini. Fin da ragazzo, attratto dal disegno e dalla pittura,  ha studiato dai grandi maestri frequentando alcuni dei loro studi e visitando i [...] [ continua >>]

Giampaolo Talani “Anima sola”
  Siete tutti invitati all’inaugurazione che si terrà oggi pomeriggio alle 17:30 presso Palazzo Vecchio:   [ continua >>]


Galleria
Da oltre 20 anni vendiamo online opere d'arte autentiche di artisti affermati e talenti emergenti. Massima affidabilità.

Vai alla collezione


Mostre Online
Ogni mese nuove Mostre personali o collettive da non perdere. Visibili direttamente online nella nostra Galleria Virtuale.

Visita le Mostre Online in corso


Servizi per artisti
Affidati alla nostra esperienza per farti conoscere, promuoverti e aumentare la tua visibilità. Esponi le tue opere in una Mostra Online.

Contattaci


Archiviazione opere
Gestiamo in esclusiva l'archivio ufficiale delle opere di Rodolfo Marma e permettiamo l'autenticazione di opere di Graziano Marsili e Umberto Bianchini
Richiedi informazioni