info@firenzeart.it
055.224028

Andrea Tirinnanzi

Andrea Tirinnanzi è nato a Firenze nel 1948, dove risiede e lavora.
Da molti anni frequenta l’ambiente artistico e si occupa dell’organizzazione di mostre a Firenze e a Montespertoli (Fi).
Si è accostato con successo alla pittura non figurativa e attualmente si dedica con passione all’arte digitale e al collage.

In una vita a contatto quotidiano con l'arte e con gli artisti, Andrea Tirinnanzi, esperto tra i
più attenti e qualificati, ha riempito un fornitissimo bagaglio di studi e di esperienze che
hanno alimentato il suo innato estro creativo e le sue capacità tecniche. Il lavoro accurato e
continuo sull’immagine in ogni suo aspetto e dinamica, gli ha consentito di approfondire e
di ampliare il proprio orizzonte artistico creando un’originale forma espressiva che accosta
scultura e fotografia, fondendole insieme, per dare vita ad una serie di opere di estrema
vitalità e suggestione. Parliamo delle sue ormai celebri “digisculture”, che hanno fatto il giro
del mondo. Protagoniste di performances, esposte in occasione di eventi e mostre, sono
presenti in prestigiosi stores, in importanti collezioni tra cui il Museo Gino Bartali e in
permanenza presso la sede di Firenzeart Gallery. Si tratta di sagome bifacciali in legno a
grandezza naturale, profilate su una foto elaborata con procedimento digitale e manuale.
Ogni opera è un esemplare unico, ottenuto mediante un’operazione di ricerca e di studio
sulla figura, sullo spazio e sull’espressività. E' nata così una ricchissima galleria di
personaggi in continuo accrescimento, con cui Tirinnanzi ha reso omaggio a “I grandi del
Cinema” (Gassman, Totò, Alberto Sordi, Marilyn Monroe, Brigitte Bardot, Roberto
Benigni, fino a Zeffirelli), ai personaggi di “Amici miei”, per giungere alle recenti
raffigurazioni di Sergio Forconi nel film “Saranno famosi?” e nel film “Quel genio del mio
amico” dedicato a Leonardo da Vinci, entrambi per la regia di Alessandro Sarti. Molti i
personaggi del mondo dello spettacolo come Conti, Pieraccioni e Panariello e della comicità
toscana, tra cui l'omaggio a Niki Giustini. A seguire, i grandi dello sport come Bartali e
Coppi e da tifoso della Fiorentina, il patron Rocco Commisso, Ribery e Chiesa.
Dal panorama musicale spiccano i Beatles che attraversano Abbey Road e Bob Dylan,
oltre a big nostrani come Mina, Celentano, Marco Masini e tantissimi altri nomi famosi le
cui canzoni hanno accompagnato la nostra vita divenendo patrimonio di memoria e di
cultura. Non mancano illustri personalità istituzionali, dal sindaco di Firenze Dario Nardella
al Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani. Tra gli ultimi lavori di Tirinnanzi
sono da annoverare i protagonisti della fiction televisiva “Pezzi unici”, Sergio Castellitto e
Giorgio Panariello. E come dimenticare Papa Francesco che non poteva sfuggire
all'attenzione dell'artista, in un ideale abbraccio all'umanità intera.
Infatti, Andrea Tirinnanzi riesce a dare verità e anima alle sue digisculture, a renderle
personaggi reali che entrano a far parte della nostra quotidianità e ad interagire con le
persone, suscitando inevitabilmente stupore, attrazione e curiosità.
Un modo intelligente, stimolante e coinvolgente per far dialogare arte e tecnologia, cultura
e fantasia e portarle tra la gente.


Opere di Andrea Tirinnanzi (digisculture, collages, decollages, stampe) si trovano presso
Firenzeart Gallery ed in collezioni private italiane. E' presente in varie pubblicazioni, tra cui
Catalogo d'Arte Moderna n° 50.
Numerose le mostre personali e collettive a cui ha partecipato, presentate da Gabriella
Gentilini, dal 2001 ad oggi, tra cui: 44° Mostra del Chianti di Montespertoli; "Ricordando
Amici Miei", omaggio a Mario Monicelli presso l’Arena Teatro Cinecittà, Firenze;
partecipazione a Firenze Panorama Arti Visive, presso Ideal Firenze; personale presso il
Ristorante Enoteca Pane e Vino, Firenze.
Nel 2013 una sua opera è selezionata e premiata alla mostra-concorso “ACI promuove
l'arte” presso la sede di viale Amendola, Firenze.
Altre mostre e performances con "I Beatles all'Isolotto" e in occasione dei Campionati
Mondiali di Ciclismo a Firenze nel 2013 e “Omaggio al Ciclismo” presso Firenzeart
Gallery; nel 2015 e nel 2016 personale presso H12, Leopolda, Firenze; Marina di Bibbona,
Camping Free Beach, “Zingarata al Mare” con proiezione dei films Amici miei atto I e
Amici miei atto II.nel
2018 “Come se fosse un film”, Bar Amici miei, Firenze e “Festival della creatività, Fortezza
da Basso; nel 2019 “Innamorati della tramvia”, Iclab, Firenze e “Fiorentini al mare”, San
Vincenzo (Li).
Gabriella Gentilini

"Sguardi sul quotidiano"

Dall’informale al digitale. Il passo non è tanto breve, ma Andrea Tirinnanzi lo ha compiuto con disinvolta maestria e con tenace passione, dedicandosi negli ultimi anni, ad un’arte più “pulita” perché evita il contatto diretto con i colori e più intellettuale perché richiede perfetta conoscenza e padronanza di uno strumento ormai protagonista della nostra vita, il computer.
Attento, curioso, ironico, Tirinnanzi raccoglie i suoi continui sguardi sul quotidiano inventando fantasiose composizioni realizzate con i più diversi oggetti d’uso comune, anche di recupero, accostandoli ed assemblandoli tra loro per temi di attualità, come il consumismo, con le carte di credito, le lattine di bibite, o gli ultimi respiri della Lira, ovvero “la fine di un’epoca”. Ma c’e anche l’omaggio al Carnevale e alla musica, accanto al modo romantico o scherzoso con cui tratta la figura umana e le sperimentazioni sulla materia delle cose, compresa l’effervescenza della Coca-Cola.
E ancora, il risultato delle più diverse situazioni catturate dall’obbiettivo della sua macchina fotografica, che una volta riversate nel computer, Tirinnanzi riesce a piegare ad ogni suo volere. Soluzioni estrose, ma sempre immagini ben studiate, che possiedono un loro significato e contengono un messaggio, più o meno esplicito, nell’armonia gradevole del loro essere.
Elaborazioni, sovrapposizioni, giochi di colori e di trasparenze, vere e proprie acrobazie digitali che Tirinnanzi realizza con l’abilità di un prestigiatore e con l’acutezza con cui sa cogliere ogni momento ed ogni aspetto della realtà, interpretandoli con creatività ed intelligenza.
La computer art non si vuole certamente sostituire al pennello, ma costituisce un contributo irrinunciabile al progresso dell’umanità e nelle mani di artisti come Andrea Tirinnanzi rappresenta un modo originale ed accattivante per tradurre idee, per esprimere sentimenti ed emozioni e per guardare al futuro.

Gabriella Gentilini

Firenze, giugno 2001


Andrea Tirinnanzi, Uno strappo alla regola

Un film, una musica, una mostra, un evento, una pubblicità che ci è rimasta in mente. Momenti che hanno scandito la nostra vita, ormai sepolti nella memoria. Tutto passa ma non la traccia che ogni cosa ha saputo lasciare in noi. Allora si apre il famoso baule dei ricordi e gli oggetti dimenticati saltano fuori come per magia. Ecco una cartella piena di rari manifesti cinematografici, locandine di mostre e di avvenimenti, copertine di vecchi dischi. Ma tutto resterebbe lì alla rinfusa se non fosse recuperato, selezionato, fotografato e adattato da quella autentica fucina di idee e di creatività che risponde al nome di Andrea Tirinnanzi.
La sua instancabile voglia di ricerca, alimentata da una verve fantasiosa e ironica, va ad ampliare gli orizzonti dei suoi “Sguardi sul quotidiano” che ci aveva lanciato tempo addietro con una personalissima interpretazione della computer art, sollecitando una capacità inventiva che si riallaccia a precedenti illustri, dal Cubismo alla pop art, fino ai nostri giorni.
La tecnica del collage infatti, ha sedotto grandi artisti per le sue potenzialità espressive, per il suo fascino a metà strada tra l’innovazione, la provocazione, la voglia di comunicare. Scomporre la realtà e ricostruirla secondo un ordine diverso corrisponde al desiderio di dialogare attraverso la materia, strapparla, frammentarla, assemblarla nell’infinito puzzle della vita.
Per Andrea Tirinnanzi non è estraneo il contatto continuo con l’arte e con gli artisti, quale motivo di discussione e di approfondimento, di arricchimento e di stimolo alla sua naturale inclinazione. E quando gli impegni glielo consentono, complice il suo vivace estro, ci prepara qualche gradevole sorpresa. In questa occasione ci propone una gustosa ricetta per fare uno strappo alla regola: si prende una bella fetta di realtà, si aggiunge un po’ di fantasia, ironia quanto basta, buon gusto a volontà, si mescola e si condisce il tutto con un pizzico di divertimento. Ed ecco servito un altro assaggio della presenza di Andrea Tirinnanzi sulla scena dell’arte, a cui si affaccia sempre con la discrezione ed il sorriso, con la garbata originalità delle sue composizioni.
Composizioni mai nate per caso, ma frutto di studio e di sperimentazione, che assecondano l’acuto spirito di osservazione dell’autore, dimostrando la serietà d’impegno e insieme la freschezza giocosa con cui ci offre spunti di riflessione capaci di suscitare interesse e piacevolezza.

Gabriella Gentilini

Firenze, gennaio 2005


Le "Digisculture di Andrea Tirinnanzi

Il genio creativo di Andrea Tirinnanzi non conosce sosta. Dopo i collage e decollage e dopo le complesse elaborazioni digitali con cui ha affrontato i più variegati argomenti, dalle tematiche quotidiane interpretate in chiave seria, ironica o provocatoria, al mondo della musica leggera e della pubblicità, l’attenzione si concentra sull’inesauribile capitolo del cinema.
Il bagaglio di esperienze e di duttilità mentale e tecnica acquisito nel corso degli anni attraverso un lavoro accurato e continuo sull’immagine in tutte le sue più impercettibili sfaccettature, gli ha consentito di approfondire ed ampliare il proprio orizzonte artistico. E’ nata così l’invenzione di un’originale forma espressiva che accosta scultura e fotografia, fondendole insieme, per dare vita ad una serie di opere di estrema vitalità e suggestione. Si tratta di sagome bifacciali in legno a grandezza naturale, profilate su una foto elaborata con procedimento digitale e manuale. Ogni opera è un pezzo unico, una riproduzione reale ottenuta mediante un’operazione di ricerca e di studio sulla figura, sullo spazio e sull’espressività. Un’idea interessante ed efficace che ha subito fatto scuola. Chi scrive non ha trovato di meglio che denominarla “digiscultura”.
Con una recente mostra Andrea Tirinnanzi ha reso omaggio a “I grandi del Cinema”, inaugurando una galleria di personaggi che si va man mano arricchendo e che è visibile in permanenza presso Firenzeart e su www.firenzeart.it: da Vittorio Gassman a Totò, da Alberto Sordi a Marilyn Monroe, da Sophia Loren a Brigitte Bardot, da Charlot a Virna Lisi, a Fernandel nei panni di don Camillo. Pietre miliari del grande schermo, miti senza tempo fissati in un fermo immagine tratto direttamente dalla pellicola e trasformato nelle dimensioni e proporzioni naturali. Un pianeta tutto da esplorare, a cui se ne affianca un altro, anch’esso illuminato dai riflettori, quello dello sport: ecco allora apparire Gino Bartali e Fausto Coppi in sella alle loro bici, non più rivali ma testimoni di valori da tramandare, a cui si aggiungeranno tanti altri nomi famosi, protagonisti di un passato che è storia contemporanea, patrimonio di memoria e conoscenza.
Gabriella Gentilini

Firenze, ottobre 2012

“Sguardi, delicatezze e magie"”, marzo 2001, Firenzeart Gallery, Montespertoli;
collettiva ”Officina dell’Arte” in occasione della 44° Mostra del Chianti di Montespertoli, maggio-giugno 2001, Firenzeart Gallery;
personale al Bar Pasticceria Fabbri, via Pisana, 140/142r, Firenze, marzo-settembre 2001;
Firenzeart Gallery, Firenze;
"Uno strappo alla regola", mostra personale di collages presentata da Gabriella Gentilini, presso bar pasticceria Pegaso, Via Pisana, 142r, gennaio 2005.
"Ricordando Amici Miei", mostra personale nell’ambito dell'omaggio a Mario Monicelli presso l’Arena Teatro Cinecittà della Casa del Popolo di S. Quirico. Maggio 2009.
Collettiva "Coca-cola nell'arte contemporanea" allestita nel sito dell'Università degli Studi di Torino.
Mostra collettiva nell’ambito della rassegna Firenze Panorama Arti Visive, presso Ideal Firenze; 2012
Performance "I Beatles all'Isolotto",Firenze, 2013
Sue opere si trovano presso Firenzeart Gallery ed in collezioni private italiane.
Personale presso Firenzeart Gallery Isolottissima; 2014
E' presente nel Catalogo d'Arte Moderna n° 50

Opere di Andrea Tirinnanzi (133)

Quadro di Andrea Tirinnanzi Informale  - mista cartone

Andrea Tirinnanzi

Informale

mista / cartone
50 x 70
250

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Informale  - mista cartone

Andrea Tirinnanzi

Informale

mista / cartone
50 x 70
250

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi New York - stampa carta su tavola

Andrea Tirinnanzi

New York

stampa / carta su tavola
110 x 70

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi New York  - stampa tela

Andrea Tirinnanzi

New York

stampa / tela
150 x 100
350

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Don Camillo, Fernandel  - digiscultura bifacciale carta su tavola

Andrea Tirinnanzi

Don Camillo, Fernandel

digiscultura bifacciale / carta su tavola
60 x 185

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Brigitte Bardot - digiscultura bifacciale carta su tavola

Andrea Tirinnanzi

Brigitte Bardot

digiscultura bifacciale / carta su tavola
65 x 150

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Ucraina - acrilico faesite

Andrea Tirinnanzi

Ucraina

acrilico / faesite
50 x 69
350

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Il pianista  - acrilico vetro

Andrea Tirinnanzi

Il pianista

2021
acrilico / vetro
40 x 40

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Anni di M...a - assemblaggio tavola

Andrea Tirinnanzi

Anni di M...a

assemblaggio / tavola
30 x 50

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Cristiano Malgioglio  - digiscultura bifacciale carta su tavola

Andrea Tirinnanzi

Cristiano Malgioglio

digiscultura bifacciale / carta su tavola
70 x 130

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Vespa  - digiscultura bifacciale carta su tavola

Andrea Tirinnanzi

Vespa

digiscultura bifacciale / carta su tavola
60 x 103

dettaglio opera
Quadro di Andrea Tirinnanzi Fiorenza - ink jet tela

Andrea Tirinnanzi

Fiorenza

1470
ink jet / tela
66 x 30
150

dettaglio opera
1 2 3 4 5 6 7 8



tratta solo opere
Autentiche e Certificate

MOSTRE ONLINE IN CORSO




NEWS FIRENZEART



Mostra di Paolo Da San Lorenzo prorogata fino a Sabato 4 maggio

  La mostra ““Dopo Picasso – Paolo da San Lorenzo nel mondo“ presso lo spazio espositivo della FirenzeArt, Piazza Taddeo Gaddi 1/b, Firenze viene prorogata fino a Sabato 4 maggio. Vi aspetti [...] [ continua >>]


Dopo Picasso – Paolo da San Lorenzo nel mondo

La FirenzeArt gallery è lieta di presentare “Dopo Picasso – Paolo Da San Lorenzo nel mondo” personale di Paolo da San Lorenzo. La mostra sarà visitabile dal 21 Marzo al 20 Aprile in Piazza Tadd [...] [ continua >>]



Galleria
Da oltre 20 anni vendiamo online opere d'arte autentiche di artisti affermati e talenti emergenti. Massima affidabilità.

Vai alla collezione


Mostre Online
Ogni mese nuove Mostre personali o collettive da non perdere. Visibili direttamente online nella nostra Galleria Virtuale.

Visita le Mostre Online in corso


Servizi per artisti
Affidati alla nostra esperienza per farti conoscere, promuoverti e aumentare la tua visibilità. Esponi le tue opere in una Mostra Online.

Contattaci


Archiviazione opere
Gestiamo in esclusiva l'archivio ufficiale delle opere di Rodolfo Marma e permettiamo l'autenticazione di opere di Graziano Marsili e Umberto Bianchini
Richiedi informazioni
Realizzazione grafica web WWS Snc