info@firenzeart.it
055.224028

David Lehel

"Forme e recinzioni"

LIBRO DELLE VISITE
La mostra si è conclusa il 15/09/2022

BIOGRAFIA


David Lehel nasce il 14 gennaio 1940 a Volóc, in Ungheria. Frequenta la scuola elementare a Derecske, poi la High School of Foresty and Agriculture a Sopron. Dopo il diploma di scuola superiore ha frequentato il biennio di allestimento vetrine e design. Nel corso della sua vita, oltre a lavorare, si è occupato dei vari ambiti dell'arte. Ha scritto poesie e prose. Nel 1989 il suo libro di poesie, intitolato: "Le apparizioni della preghiera" è stato pubblicato dall'editore Eötvös Co. Alcune delle sue poesie successive vengono pubblicate su riviste di letteratura, come 2000 o Kortárs. Nel 2012 viene pubblicato il suo secondo libro di poesie, intitolato: "Il vento soffia anche a mezzogiorno". Da molto tempo realizza piccole sculture di argilla: scene e figure solitarie. Disegna e dipinge regolarmente dal 1982.
Nell'ottobre 1993, il suo lavoro è stato presentato nella mostra culturale "Le avventure di Picasso".
È stato membro dell'Associazione degli artisti creativi ungheresi dal 1994.



BIOGRAPHY


He was born on the 14th of January 1940 in Volóc, Hungary. He went to primary school in Derecske then to the High School of Foresty and Agriculture in Sopron. After high school graduation he attended the two year college of window dressing and design. Throughout his life, besides working, he has been dealing with the various areas of art. He has been writing poems and prose. In 1989 his book of poems, called: "The appearances of the prayer" was published by Eötvös publisher Co. Also some of his later poems were by literature journals, such as 2000 or Kortárs. His second book of poems was published in 2012, called: "The wind also blowing at noon".
He has been making small sculptures out of clay for a long time: scenes and lonely figures. He has been drawing and painting regularly since 1982.
In October 1993 the Hungarian Naional Television showd a film about his works. The title of this cultural serial program was: "The adventures of Picasso"
He has been been a member of the Association of Hungarian Creative Artists since 1994.




CRITICA


La scelta di Firenze art Gallery di presentare una ‘personale’ dell’artista ungherese David Lehel va in due direzioni, quella di proporre una pittura di non facile lettura - quindi un atto coraggioso, quantunque in perfetta sintonia con quella che deve essere la ‘mission’ di una galleria d’arte - e quella di offrire al proprio pubblico la possibilità di conoscere una personalità di spicco di un paese le cui correnti artistiche sembrano restie a muoversi all’esterno se non in occasione di eventi ‘istituzionali’ (artisti ungheresi sono una presenza costante alla Biennale a Venezia).
David Lehel nasce il 14 gennaio 1940 a Volóc, in Ungheria. Frequenta la scuola elementare a Derecske, poi la High School of Foresty and Agriculture a Sopron. Dopo il diploma di scuola superiore ha frequentato il biennio di allestimento vetrine e design, una formazione questa che con tutta probabilità ha avuto un ruolo determinante nella sua organizzazione pittorica, che, non a caso, consente immediata naturalezza nell’osservazione delle opere.
Artista dai molteplici interessi, Lehel nel corso della sua vita ha anche scritto poesie e prose. Nel 1989 il suo libro di poesie, intitolato: "Le apparizioni della preghiera" è stato pubblicato dall'editore Eötvös Co, altri due raccolte poetiche si trovano su riviste di letteratura, come 2000 o Kortárs, e nel 2012 viene pubblicato il suo secondo libro di poesie, intitolato: "Il vento soffia anche a mezzogiorno"; oltre alla poesia Lehel si occupa di realizzare piccole sculture di argilla, che in genere rappresentano scene e figure solitarie; quanto alla pittura, questa è sua compagna di viaggio fino dal 1982.
Come dice il titolo della mostra presso la FirenzeArt gallery -‘Forme e recinzioni’- il lavoro di Lehel è orientato a richiamare gli ostacoli, i divieti, le chiusure che noi umani incontriamo. Nei rapporti interpersonali, nella gestione della nostra esistenza, nell’incapacità di essere solidali con gli altri, e nel buio delle tante ingiustizie subite sotto varie forme da un buon numero di nostri simili. Un tema che l’artista affronta con modalità, come dicevamo, di non facile e non immediata comprensione, che vanno in profondità e che vengono proposte con una simbologia colta che, dal punto di vista pittorico, affonda le proprie radici in molti dei totem del secolo scorso, da Picasso, a Mondrian, da Klee a Kandinsky.
La sua modalità espressiva propone un linguaggio personale che racconta di stati d’animo, a volte melanconici, altre disincantati. Un diario della vita interiore di quanto rimasto allo stato embrionale, cioè non concretizzatosi, che Lehel sente l’esigenza ugualmente di rappresentare perché lo ha conosciuto, cercato, vissuto come impulso e che ora libera sulla tela. E’ pittura destinata a divenire familiare, in cui i segni appaiono la traduzione di un’ordinata spontaneità forse più raggiunta per imitazione e per il tramite di un linguaggio cui è affidato il controllo dell’urgenza emotiva; pittura geometrica, a volte neoplastica, formale, nella quale si riaffaccia - e viene faticosamente, ma con convinzione, rintuzzata - la figurazione.
Non c’è casualità in quello che vediamo nelle opere di Lehel, semmai una nostalgia, personale e universale. Le sue forme assumono, autonomamente e a dispetto del controllo che viene esercitato, un’antitesi con le esperienze razionali.
Pittura astratta certo, ma pittura concreta in cui l’apparente ‘non rappresentazione’ del visibile e del mondo della natura, da tesi diviene sintesi di un pensiero e di un sentire profondamente realista.
Lehel costruisce geometrie, labirinti, talora meccanismi complessi simili ai movimenti degli orologi di razza. L’equilibrio, anche delle opere meno geometriche, è nitido e la sua finalità, forse pur travalicando le intenzioni dello stesso artista, è volta al conseguimento di quel risultato che ogni pittore cerca: l’armonia dei rapporti tra linee, colori e superficie.
Dal punto di vista dell’esecuzione, la prima caratteristica che notiamo nella pittura di Lehel è l’ordine compositivo, che non necessariamente significa ordine formale, ma è organizzazione controllata dei piani, delle geometrie e della coloristica; quest’ultima con un’attenzione alle connessioni e alla rappresentazione che le è affidata, come raramente è dato di vedere. Il colore gioca un ruolo centrale nell’arte di Lehel. Sembra giocarci con il colore, lo spalma con giudizio e in questa operazione riesce ad offrirci una partitura cromatica che, sorprendentemente, risulta armonica a dispetto delle evidenti dissonanze. Non ci sono nei lavori i colori d’impatto di tanta pittura - il movimento fauve per dirne uno, forse il più evidente - che vuole prepotentemente affermare l’opinione dell’esecutore sulle cose del mondo.
Dalla visione delle opere di Lehel si trae l’evidenza della sua originalità e profondità ma anche, forse, di una fragilità che si avverte nella connessioni tra i segni, e nella loro logica interiore, entrambe solide sulla tela, ma forse non altrettanto nella vita reale.
Lehel dal 1994 è membro dell'Associazione degli artisti creativi ungheresi dal 1994. Ha esposto molto, per lo più in Ungheria, ma anche in Belgio e in Svizzera; memorabile nel 1993 la sua presenza alla mostra culturale ‘Le avventure di Picasso’.





MOSTRE


1982 Marcibányi Square Cultural House (Budapest)

1984 Water City Gallery (Budapest)

1988 Sándor Petőfi Cultural House (Esztergom)

1990 Rondella Gallery (Esztergom)

1994 István Csók Gallery (Budapest)

1995 Museum Blomme (Roeselare, Belgium)

1995 De Kennekapel (Koksijde, Belgium)

1996 West LB Hungária Sc. (Budapest)

1996 Oranje Koffienhuls (Arnhem, Netherlands)

1997 Curry-Beiz Schlüssel (Unterehrendingen, Switzerland)

1999 Hotel Mercure Korona (Budapest)

2000 Ericsson Gallery of Fine Arts, Budapest

2003 RV Gallery /Koksijde, Belgium/

2013 Home Gallery in Ernő Hollán street 46. (Budapest)

2015 Klebersberg Cultural Mansion (Budapest)

2019 Mountain Cultural Salon (Budapest)






Galleria
Da oltre 20 anni vendiamo online opere d'arte autentiche di artisti affermati e talenti emergenti. Massima affidabilità.

Vai alla collezione


Mostre Online
Ogni mese nuove Mostre personali o collettive da non perdere. Visibili direttamente online nella nostra Galleria Virtuale.

Visita le Mostre Online in corso


Servizi per artisti
Affidati alla nostra esperienza per farti conoscere, promuoverti e aumentare la tua visibilità. Esponi le tue opere in una Mostra Online.

Contattaci


Archiviazione opere
Gestiamo in esclusiva l'archivio ufficiale delle opere di Rodolfo Marma e permettiamo l'autenticazione di opere di Graziano Marsili e Umberto Bianchini
Richiedi informazioni
Realizzazione grafica web WWS Snc